Voters Without Borders:
Pieni diritti politici per i cittadini dell'UE

Unisciti alla campagna, per un’Unione Europea migliore!

Stiamo lanciando un'iniziativa dei cittadini europei (ICE)

Vogliamo un’Unione europea più democratica e civica. Ciò richiede il riconoscimento dei pieni diritti politici dei cittadini europei.

 

Se raccoglieremo un milione di firme, la Commissione europea dovrà agire in base alle seguenti proposte:

recognize

a. Riconoscere

 

i cittadini dell’Unione come elettori nel loro paese di residenza ed eliminare gli ostacoli al voto e alla partecipazione alle varie elezioni

renovate

B. RIaffermare

il suffraggio universale come diritto fondamentale.

I cittadini dell’Unione dovrebbero avere il diritto di scegliere tra votare nel loro paese di residenza o votare nel loro paese d’origine, per ogni scrutinio e referendum.

research

C. Studiare

 

le implicazioni di una tale “europeizzazione” dei diritti di voto e le possibilità di estendere tali diritti ai cittadini di paesi terzi.

La nostra iniziati va è fondata su 4 valori fondamentali:


1.
FARE DELLA CITTADINANZA EUROPEA UN’AUTENTICA CITTADINANZA: I diritti politici sono la caratteristica distintiva di qualsiasi cittadinanza e lo strumento attraverso il quale altri diritti possono essere rappresentati ed estesi. Oggi la cittadinanza europea si sviluppa al di là dell’economia e della libera circolazione. Questa copre tutte le categorie della popolazione. I cittadini dell’Unione non dovranno più essere considerati come dei semplici travailleurs immigrati, ma come dei membri della società a pieno titolo.

2. FARE UN PASSO IN AVANTI VERSO IL SUFFRAGIO UNIVERSALE: I cittadini «mobili» dell’UE pagano le stesse imposte, mandano i loro figli alle stesse scuole e utilizzano gli stessi servizi dei cittadini del loro Paese di residenza. Dare loro accesso agli stessi diritti politici sarebbe dunque ragionevole. È illogico che i cittadini europei possano votare e candidarsi nelle elezioni locali, ma non in quelle regionali, che riguardano molti degli stessi servizi pubblici che incidono sulla vita quotidiana.

3. FAVORIRE UNA MIGLIORE INTEGRAZIONE: Il fatto di concedere alle persone pieni diritti politici nel luogo in cui risiedono può favorirne l’integrazione nella società.   La differenziazione politica tra cittadini dell’UE e nazionali dà un segnale sbagliato per quanto riguarda le politiche di integrazione. Questa ICE deve essere considerata perciò, anche come una tappa verso l’eliminazione delle discriminazioni fra i cittadini nazionali e gli altri (cittadini europei e cittadini di paesi terzi).

4. CONTRIBUIRE ALLA COSTRUZIONE DI UNA DEMOCRAZIA EUROPEA TRANSNAZIONALE: A seguito dell’affluenza record alle elezioni europee del 2019, la Commissione a riconosciuto la necessità di rinforzare il ruolo dei cittadini europei all’interno del processo decisionale dell’UE. La conferenza sul futuro dell’Europa che avrà luogo nei prossimi due anni, prenderà in esame la possibilità di stabilire delle liste transnazionali per le elezioni del Parlemento Europeo. Tali riforme dovrebbero andare di pari passo con la preoccupazione di dare a tutti la possibilità di votare.

 

2 persons
0 M
EU citizens living and working in another Member State
0 %
EU citizens support the principle of freedom of movement
european stars
0 %
People in the EU who feel European
young increasing
0 %
Turnout increase among young people between 2014 and 2019 European Elections​

In un’ Europa politicamente divisa e imprevedibile, i cittadini europei stanno diventando sempre più consapevoli  della necessità d’essere rappresentati e ascoltati. Crediamo che i cittadini europei, a prescindere dalla nazionalità, debbano essere considerati ugualmente e godere degli stessi diritti politici.





"No taxation without representation is an old mantra, but a good one"

The Economist

"Niente tassazioni senza rappresentanza è un mantra antico, ma un buon mantra"

The Economist

Storie di cittadini

karl

Alle elezioni europee non ho potuto votare per i candidati slovacchi. L’ambasciata non ha fornito alcuna informazione. Le autorità pubbliche non sono state di grande aiuto.

Per le elezioni nazionali ho potuto votare per posta. Ma poi abbiamo saputo che molti voti sono andati persi, che sono stati contati male o che la nostra busta è arrivata troppo tardi.

Karl (Slovacco nei Paesi Bassi)

guillaume

Per le elezioni locali ed europee, volevo votare nel mio Paese di residenza, qui in Lettonia. Ma purtroppo non mi è stato permesso di votare. Non so perché, non ho mai avuto informazioni.

All’amministrazione è bastato dirmi: “Non è possibile per lei” , così da non dover risolvere il problema.

 

Guillaume (Francese in Lettonia)
katarzyna

Ho cercato di iscrivermi per votare alle elezioni amministrative di quest’anno, avevo inviato tutti i documenti necessari attraverso il sito web del governo. Poi ho ricevuto una risposta dal mio municipio che mi informava che la mia dichiarazione di indirizzo non era buona e che non potevo registrarmi.

 Poi ho ricevuto una risposta dal mio municipio che mi informava che la mia dichiarazione di indirizzo non era buona e che non potevo registrarmi. 

Nessuna spiegazione sul perché la fattura EDF che ho fornito con il mio nome, indirizzo e una data del mese prima, non era abbastanza.

Katarzyna (Polacca in Francia)

danielle

Sono residente in Spagna da 18 anni, pago lì le tasse, gestisco un’attività commerciale, ho una casa, ma non ho voce in capitolo su come queste tasse vengano spese perché non ho diritto di voto. Per contro,posso votare nei Paesi Bassi anche se lì non posseggo nulla. Perciò sì, è tempo di fare qualcosa.
 
 Danielle (Olandese in Spagna)
 
 

Condividete con noi la vostra storia!

book

Stiamo raccogliendo le testimonianze di persone che hanno avuto difficoltà a votare nel loro paese di residenza o nel loro paese d'origine in occasione di elezioni e referendum locali, nazionali ed europei !

Volete sostenere la nostra iniziativa?

La vostra donazione ci aiuterà a realizzare i nostri obiettivi!